Arte e solidarietà viaggiano in ascensore

Un ascensore per Andrea. Grazie alla Fondazione Terzo Pilastro – Internazionale, Andrea Matteucci, ragazzo diversamente abile che vive presso l’edifico ATER, nella palazzina F nel comprensorio di Viale Tormarancia n. 63/A, ha finalmente un ascensore per potersi muovere liberamente.

L’ascensore, realizzato dalla Marrocco Elevators S.r.l., è stato inaugurato lunedì 9 settembre scorso, alle ore 18:00, presso il Lotto 1 del complesso residenziale popolare di Tor Marancia, alla presenza del Presidente della Fondazione Terzo Pilastro – Internazionale che ha sostenuto il progetto, Prof. Avv. Emmanuele F. M. Emanuele e del Presidente del Municipio Roma VIII, Amedeo Ciaccheri.

«Quando nel 2015 ho inaugurato il progetto “Big City Life” a Tor Marancia, ho avuto modo di incontrare gli abitanti del quartiere tra cui anche Andrea Matteucci. Ho conosciuto la sua famiglia e sono venuto a sapere, nell’occasione, che questo giovane che non dispone purtroppo dell’uso delle gambe doveva essere letteralmente portato ‘a braccia’ fuori e dentro il suo appartamento al primo piano della Palazzina F. Non potevo non prendere a cuore la situazione di estrema difficoltà in cui versavano questo ragazzo e i suoi genitori, e pertanto ho immediatamente assunto un impegno con la famiglia: che mi sarei adoperato affinché l’edificio venisse dotato di un elevatore per il trasporto dei diversamente abili.» ha commentato il Prof. Avv. Emmanuele F. M. Emanuele, ed ha aggiunto: «Si è trattato di affrontare un iter burocratico lungo e faticoso, che ha richiesto più di due anni per l’ottenimento dei permessi per l’installazione dall’ATER e dal Comune ed in seguito oltre un anno per il completamento dei lavori, ma oggi sono davvero lieto di poter finalmente vedere concretizzata la promessa fatta. La Fondazione che ho l’onore di presiedere ha da sempre tra le sue finalità istituzionali primarie quella di assistere le categorie sociali più deboli e svantaggiate, motivo per cui era assolutamente doveroso per noi intervenire a beneficio della qualità della vita del Sig. Andrea Matteucci, consentendogli di partecipare a pieno titolo alla vita del quartiere così come gli altri abitanti, i quali sono, di fatto, diventati i guardiani ed i principali promotori di questo splendido museo a cielo aperto che Tor Marancia – grazie alle opere murarie di 22 tra i più importanti street-artist del pianeta – è diventato.».

Tor Marancia ospita infatti tra i suoi lotti il progetto di arte pubblica partecipata “Big City Life”, realizzato nel 2015 dalla Fondazione Roma in collaborazione con il Municipio Roma VIII e ATER; progetto che, oltre al nuovo elevatore per Andrea, si arricchisce oggi anche con la realizzazione di un’app per smartphone, denominata “Tor Marancia 2.0”. L’applicazione consente ai visitatori la piena fruizione delle opere d’arte presenti nel museo condominiale a cielo aperto, tramite dispositivi IOS ed Android. L’app, disponibile in doppia lingua (italiano ed inglese), è stata realizzata dalla società Megasound, grazie al contributo della Fondazione Cultura e Arte, ente strumentale della stessa Fondazione Terzo Pilastro – Internazionale.

«Shangai – come viene denominata la zona dei lotti di Tor Marancia – non smette mai di sorprendere. Accanto alle imponenti opere artistiche, grazie alla Fondazione Terzo Pilastro – Internazionale e alla Fondazione Cultura e Arte, oltre che all’impegno delle associazioni, dei comitati territoriali e dei singoli, si aggiungono componenti importanti per vivere al meglio la bellezza di questi luoghi, come l’ascensore per Andrea e la nuova app.» ha dichiarato il Presidente del Municipio Roma VIII, Amedeo Ciaccheri.