I grandi capolavori del corallo. I coralli di Trapani del XVII e XVIII secolo

Corallo_2È stata inaugurata il 2 marzo, a Catania, a Palazzo Valle, la mostra I grandi capolavori del corallo. I coralli di Trapani del XVII e XVIII secolo, organizzata dalla Fondazione Puglisi Cosentino con il sostegno della Fondazione Terzo Pilastro – Italia e Mediterraneo, già Fondazione Roma-Mediterraneo.
Nell’edificio simbolo del barocco catanese erano esposti raffinati gioielli, oggetti per il culto, amuleti, cofanetti portagioie, sontuosi stipi, miniature di tavoli da gioco e di arredi, specchiere, piccoli oggetti o statuine di modeste dimensioni. La maggior parte delle opere proveniva dalle collezioni del Banco Popolare di Novara, del Museo Pepoli di Trapani, della Galleria Regionale di Palazzo Abatellis, del Museo Diocesano di Palermo, della Fondazione Whitaker, del Museo Diocesano di Monreale, del Museo della Cattedrale di Piazza Armerina, del Museo Regionale di Messina, della Parrocchia di San Francesco di Paola, a Palermo, e della Chiesa del Gesù, sempre a Palermo, nota anche come Casa Professa.
La mostra è rimasta a Catania fino al 5 maggio e successivamente è stata trasferita a Trapani, al Museo Pepoli, nell’ex Convento dell’Annunziata, dal 18 maggio al 30 giugno.