Attività della Fondazione durante il mandato del Presidente

LA FILOSOFIA DEL PRESIDENTE: CENTRALITÀ GEOPOLITICA ED ECONOMICA DEL MEDITERRANEO

L’argomento, da sempre coltivato dal Presidente, aveva avuto una prima collocazione nella Fondazione Roma – Mediterraneo, successivamente trasferito alla Fondazione Terzo Pilastro – Italia e Mediterraneo e da ultimo nella Fondazione Terzo Pilastro – Internazionale… Continua >>

LE INIZIATIVE REALIZZATE DALLA FONDAZIONE DURANTE IL MANDATO DEL PRESIDENTE EMANUELE

Costituisce da molti anni uno dei settori di priorità, in particolare quella indirizzata al campo bio-medico, poiché il Presidente lo ritiene da sempre strategico per un Paese avanzato ed imprescindibile per tentare di mantenere la competitività ed un’armoniosa crescita civile e sociale, oltre che economica.

Importante iniziativa sostenuta e voluta e dal Presidente è quella in collaborazione con la Fondazione BIOGEM (biologia e genetica molecolare), costituita da importanti atenei e centri di ricerca come l’Università degli studi di Napoli Federico II, l’Università Bicocca di Milano, l’Università degli Studi del Sannio, la Stazione Zoologica “Anton Dohrn” di Napoli e il Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR). Il suo centro di ricerche ad Ariano Irpino, in provincia di Avellino, edificato su una superficie complessiva di 35.000 metri, veniva inaugurato nel 2006 alla presenza del premio Nobel Rita Levi Montalcini. La Biogem, peraltro, registrava di recente un brevetto internazionale su una molecola che promette risultati incoraggianti nella cura del mesotelioma, e che ha suscitato l’interesse di molte case farmaceutiche.

Sempre su impulso del Presidente, frutto di un agreement con la Presidenza della Repubblica di Malta, veniva inaugurata nel mese di ottobre 2017, presso il Biomedical Sciences Building dell’Università di Malta, la Fondazione per la ricerca sul cancro che porta il suo nome EMANUELE CANCER RESEARCH INSTITUTE MALTA.

Rappresenta senza alcun dubbio il cuore profondo dell’impegno del Presidente, che nasce dalla consapevolezza di essere stato molto fortunato nella vita sotto tutti gli aspetti e di voler restituire una porzione della propria serenità e sicurezza ai derelitti, agli emarginati, a coloro che non riescono a far fronte alle esigenze quotidiane ordinarie e straordinarie della vita.

Soggetto protagonista delle iniziative nel settore per un certo numero di anni era inizialmente la FONDAZIONE ROMA – TERZO SETTORE, Fondazione strumentale voluta dal Presidente, per favorire la presenza solidale della Fondazione Roma nei medesimi settori principali, ma in un territorio più ampio rispetto a quello di tradizionale intervento di quest’ultima, poi confluita nella Fondazione Terzo Pilastro – Internazionale a seguito di un percorso di riorganizzazione decisionale ed operativo.

Per dare maggior impulso alle iniziative promosse da terzi e degne di rilievo, che rischiavano di essere esclusi dalla scelta strategica della Fondazione Roma, ispirata dal Presidente, di divenire una fondazione operativa, egli promuoveva l’apertura dello SPORTELLO DELLA SOLIDARIETÀ, strumento attivato con l’obiettivo di sostenere e incentivare la realizzazione di iniziative di natura sociale promosse da enti non profit attraverso un bando aperto.

L’attenzione costante del Presidente verso il Sud del mondo e, in particolare, verso quello più vicino a noi, cioè il Mediterraneo, si esprimeva attraverso l’istituzione della FONDAZIONE ROMA – MEDITERRANEO, nata nel 2008, proprio per completare l’ambito di operatività della Fondazione Roma nelle aree dello sviluppo economico e sociale, della formazione, dell’arte e del dialogo interculturale dei Paesi del Mediterraneo, ed oggi confluita nella Fondazione Terzo Pilastro – Internazionale.

Investire nell’istruzione e nella formazione vuol dire investire nelle persone e nel loro futuro, promuovere la crescita economica e l’aumento della produttività, favorire lo sviluppo sociale e contribuire a ridurre le diseguaglianze. Questa è un’altra ferma convinzione del Presidente, dalla quale scaturiva il vasto e ripetuto supporto della Fondazione a questi due settori largamente trascurati all’interno delle scelte di politica economica del nostro Paese, con il risultato che oggi le nostre scuole e università accusano difficoltà a restare al passo con i tempi ed a fornire ai giovani una formazione di qualità ed abilitante per l’ingresso nel selettivo mondo del lavoro.

Anche quest’attività veniva trasferita alla Fondazione Terzo Pilastro – Internazionale a seguito del citato percorso di riorganizzazione decisionale e operativo.

Oggi l’impegno della Fondazione Terzo Pilastro – Internazionale – nel campo dell’istruzione si focalizza sulla formazione post-universitaria di specializzazione, attraverso il sostegno dato, per ferma determinazione del Presidente, ad alcuni MASTER POST UNIVERSITARI da tempo attivati con successo, quali:

  • LUMSA: Master di II livello in “Esperti in Politica e Relazioni Internazionali”, che si propone di formare figure professionali in grado di operare, grazie alle competenze multidisciplinari acquisite, nella diplomazia, nelle organizzazioni internazionali e nelle istituzioni italiane ed europee;
  • IULM: Master di I livello in “Management delle Risorse Artistiche e Culturali”, con l’obiettivo di formare manager e professionisti qualificati nell’ambito della gestione delle risorse artistiche e culturali, fornendo loro una preparazione che spazia dalla conoscenza delle discipline umanistiche all’acquisizione di specifiche competenze manageriali;
  • IULM: Master universitario di I livello in “Lingue e Culture Orientali”, al fine di fornire agli studenti gli strumenti linguistico-culturali necessari ad operare in contesti socio-professionali di ambito internazionale e ad interpretare al meglio le realtà politico-culturali ed economico-finanziarie dei Paesi del Medio ed Estremo Oriente;
  • Progetto Mediterraneo LUISS: corso di laurea triennale o specialistica rivolto agli studenti bisognosi dell’area mediterranea, nell’ottica di garantire una formazione universitaria di primo livello attraverso il loro inserimento nei percorsi di laurea triennale e specialistica presso l’Università LUISS con l’obiettivo, una volta completato il percorso di studi, di rientrare nei Paesi di origine, per offrire le competenze acquisite al servizio dello sviluppo economico e sociale di detti Paesi;
  • LINK CAMPUS: Master in “Globalisation, Governance and International Understanding”, attivato nell’ambito di un progetto previsto da un accordo stipulato con l’Università statale di Mosca, volto alla promozione di attività ed iniziative di studio e ricerca mediante lo scambio interculturale tra studenti italiani e russi, ed avente lo scopo di formare gli studenti sugli effetti che la globalizzazione ha determinato sullo sviluppo locale delle società civili;
  • ACCADEMIA DI BELLE ARTI di Roma: Master interistituzionale (in collaborazione con l’Università La Sapienza) di I livello in “Linguaggi e Tecniche per il cinema di Animazione”, che si prefigge di fornire competenze specialistiche nel mondo dell’animazione 3D e abilità artistiche e professionali nell’ambito dell’animazione digitale e della grafica multimediale.

Sulla scia del convincimento del Prof. Emanuele che l’arte sia lo strumento principale per mettere in dialogo popoli e culture diverse, per la crescita civile e spirituale dei popoli e, nel caso specifico dell’Italia, l’unica vera “energia pulita” del Paese, risorsa fondamentale su cui fondare la competitività ed il progresso economico della nazione, si sviluppava l’intensa presenza della Fondazione Roma e, successivamente, della Fondazione Terzo Pilastro – Internazionale, nel settore in questione.

La più importante espressione della volontà del Presidente di far sentire la presenza della Fondazione nel settore era senz’altro il MUSEO DEL CORSO, creato dal Presidente stesso nel 1999 negli spazi di Palazzo Cipolla, sede, alle origini, della Cassa Di Risparmio di Roma, successivamente di Capitalia, per finire ad Unicredit, da cui veniva acquisita, e che da allora ha realizzato ed ospitato 52 mostre a Roma, presso lo spazio espositivo di Palazzo Cipolla, e concorso alla realizzazione di altre 23 fuori sede, per un totale di 75.

In campo musicale, il Presidente decideva di sostenere l’ORCHESTRA DI PIAZZA VITTORIO, gruppo di artisti provenienti da tutto il mondo, che hanno trovato nella musica la via per il loro riscatto sociale e per dar vita ad uno scambio proficuo di storie, esperienze, culture differenti, tutte sfociate in composizioni originalissime.

Altra declinazione di assoluto rilievo dell’impegno del Presidente in campo culturale era la manifestazione RITRATTI DI POESIA. Nata nel 2007 per diretta e specifica iniziativa del Presidente, in quanto notoriamente autore di diversi libri di poesia, è una manifestazione annuale in perenne evoluzione, specchio del continuo divenire della poesia stessa, attenta alla contemporaneità (si ricorda, ad esempio, il concorso di poesia “140 caratteri”, destinato a Twitter), in grado di coinvolgere e premiare con riconoscimenti anche economici importanti autori, nazionali e internazionali, giovani promesse, attori e musicisti, in un originale connubio di incontri, confronti, letture, idee, versi e voci.

La seconda iniziativa riguardava il RESTAURO DELLE CHIESE. Coerentemente con la sua storica vicinanza alla Chiesa, il Presidente promuoveva e favoriva interventi presso le seguenti chiese:

  • Basilica di S. Paolo fuori le mura a Roma (decorazione Porta Paolina e intervento di valorizzazione della tomba dell’Apostolo);
  • Basilica di San Giuseppe Artigiano (già S. Biagio in Amiternum) a L’Aquila, restauro completo dopo il terremoto;
  • Chiesa dello Spirito Santo dei Napoletani a Roma (restauro organo storico; pubblicazione della guida storico-artistica della chiesa; illuminazione e pittura degli interni);
  • Restauro conservativo delle parti esterne della Chiesa di San Francesco a Sutri (VT).